Jukebox #6

Vivo in un paese in cui i Nomadi sono quasi una religione (a Casalromano, a pochi chilometri, si svolge da anni il raduno nazionale del gruppo) e io, anche se non sono un fan sfegatato, li sempre ascoltati, tra amici e parenti che li adorano.
Ho comunque sempre riconosciuto la profondità e la lungimiranza di molti dei loro testi.

Sto divaganto, come al solito: questa è una canzone poco nota, ma che ho sempre apprezzato per il messaggio che contiene.
Vi lascio sotto il testo.
Voglio dedicarla a te, a tutti, perché le utopie sono la rampa di lancio per il cambiamento… e c’è molto bisogno di cambiare, di questi tempi.

Utopia aveva una sorella maggiore
Che si chiamava Verità senza errore
Lanciava spesso un aquilone nel vento
Su cui era scritto libertà con l’accento

Le due sorelle trascorrevano il tempo
Senza fermarsi mai neppure un momento
Avvinte sempre a quell’aquilone
Senza sapere, sapere ragione

Ma troppo deboli le braccia delle fate
E troppo fini quelle dita delicate
Strappò la fune il forte vento quel giorno
E l’aquilone più non fece ritorno

Quell’incidente cancellò la magìa
Le due sorelle separaron la via
Utopia andò per il mondo a cercare
E Verità già pensava a sposare

La Verità si sposava col Tempo
Anche Utopia fu invitata all’evento
“Non ti sposare, resta libera, che temi?
Guarda che le parole son semi!”

“Che le parole sono semi, hai ragione
Ma per fiorire non è già la stagione”
“Il tuo non è un matrimonio d’affetto
Ti peserà quella casa e quel letto”

Mentre Utopia andava via allegramente
Perché vedeva il futuro presente
Verità le sussurrava a capo chino
“Stai confondendo desiderio e destino”

E l’animo corse come fa un torrente
Cambiando segno a passato e presente
Utopia ogni notte un uomo amava
Ed all’alba lo abbandonava

Per Verità, a quanto si dice
Il matrimonio non fu mai felice
Il Tempo non è un marito ideale
Avaro, vecchio ed anche brutale

Ma in fondo in fondo qualcosa ne ha avuto
Con tanti amanti lo ha reso cornuto
Ed alla fine dell’infedeltà
Ha avuto l’eredità

Mentre Utopia che non ha un padrone
Ne ha centomila senza alcuna ragione
Resta da sempre a vagare nel prato
Ma l’aquilone non lo ha più trovato

Nomadi – Utopia

Buona serata / Buonanotte

42 commenti

      1. Ma è il Pindemonte.
        Utopia, ninfa gentile,
        la vita mia consacro a te.
        I tuoi piaceri chi tiene a vile
        ai piacer veri nato non è.
        Fonti e colline chiesi agli Dei;
        m’udiro alfine, pago vivrò,
        né mai quel fonte co’ desir miei,
        né mai quel monte trapasserò.

        🙂

        Piace a 2 people

      1. 🤣🦥
        Ho trovato una parrucchiera che si è rifiutata di tagliare a tutta: notiziò, notiziò!!
        Motivazioni addotte:
        1. La bellezza de lo mio capello per cui sarebbe stato un vero peccato tosare impunemente
        2. Un taglio netto richiede manutenzione (almeno finché ci soddisfa) e alla luce della situazione attuale, mi ha quindi sconsigliato cambiamenti troppo drastici in quanto si ritiene categoria a rischio chiusura tra breve tempore…

        Ergo: ne è conseguita una ripulitura e rimessa in forma della chioma, senza cambiamenti degni di nota
        😬

        Piace a 1 persona

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...