Jukebox #Dialetto edition 1

Come anticipato nel coming soon di qualche giorno fa, questo è il primo di tre (e non di due, visto che me ne sono “tradotto” un altro) appuntamenti con la goliardia che si mischia con il dialetto dell’alto mantovano: spero ti possa regalare un sorriso come ha sempre fatto con me.

Dì ‘n del nàs – L’Arca

Per chi si diletta a suonare, ci sono pure gli accordi!

L’arca

Do Fa Do Re Sol Mi Lam Fa Do Sol Do

Do                      Fa      Do           Re              Sol       Mi

Quindesmila an endrè, quand la sent la nàa a pè
Quindicimila anni fa, quando la gente andava a piedi

     Lam              Fa     Do         Sol       Do     Sol

E le bestie en muturì, gh’era apena del casì
E gli animali in motorino, c’era solo del casino

Do                      Fa                 Do         Re     Sol       Mi

Omm e fonne, ca e gacc, töt el dè le sò engrupacc
Uomini e donne, cani e gatti, tutto il giorno lì giù ingroppati (sessualmente)

      Lam                      Fa        Do         Sol       Do

El Signur el pröa a squasai, «So pö bù de destacai!
Il Signore prova a scuoterli «Non sono più capace di staccarli!

      Fa                 Do                Mi                   Lam

Dai Noè fa’ el pratriarca, encioda sö ‘na bela arca
Dai Noè fa il patriarca, inchioda su una bella arca

      Fa              Do                   Re       Sol

La pasiensa l’è a lièl, encö ot fò sö en macèl
La pazienza è a livello, oggi faccio un macello

Do                    Fa           Do        Re  Sol      Mi

Ruerse el ciel, el fò de bù, i neghe töcc, chi lazzarù
Rovescio il cielo, lo faccio davvero, li annego tutti, quei lazzaroni

     Lam                       Fa        Do         Sol       Do                 Fa Do Sol Do

Tignì ferem, bröt signal, fò el diluvio universal!»
Tenetemi fermi, brutto zio (intraducibie letteralmente), faccio il diluvio universale!»

E Noè se caga adòss: «Pesegomes, diaol balòss
E Noè si caga adosso: «(non ne ho la minima idea), diavolo balosso

L’è mesùra che slampèsa, g’om amò de nà a fa spesa!»
È mezzora che ci sono i lampi, devo ancora fare la spesa!»

E Noè l’è sa catif, el g’à vist el preventif:
E Noè è giù cattivo, ha visto il preventivo

«El se ciàe apò l’ingenier, me me range coi mestèr!
«Che si fotta anche l’ingegnere, io mi arrangio coi mestieri!

Se la fò emperlinada la vè föra na cagada
Se la faccio in perlinato, ne vien fuori una cagata

Se düpère el truciolare, l’è mia prope regolare
Se utilizzo il truciolare, non è proprio regolare

Fala sö de piopa pina la me resta disimbrina
Farla su di pioppo pino (?), mi rimane leggerina

Vaca diaol che dù marù, la fo fa dal marengù!
Vacca diavolo che due palle, la faccio fare dal falegname!»

Piöf sa bela da tre de, töcc i foss i è bele piè
Piove già da tre giorni, tutti i fossi sono già pieni

La segöta a egner so, el marengù el ria pö de cò:
Continua a venir giù, il falegname non ne viene più a capo

A staga sota a scancarà, el m’à finit el laurà
A stargli sotto (fargli pressione) a scancherare (lamentarsi/insultare), mi ha finito il lavoro

El g’à mess en po’ de temp, ma el m’à fat en monument
Ci ha messo po’ di tempo, ma mi ha fatto un monumento

Và, Signur, che opera d’arte, dàm l’anviada che me parte!»
«Guarda, Signore, che opera d’arte, dammi il via che io parto!»

«Nano, frena la careta, varda le chi gh’è che speta!»
«Ciccio, ferma la carretta, guarda lì chi c’è che aspetta!»

«O, bröt diaul che prucesiù! Pie de bestie a scàalcù!
«O, brutto diavolo, che processione! Pieno di bestie, una sopra l’altra!

Pensòm mia de cumudài, che gh’è apena d’enfrugnài!
Non pensiamo di metterli a posto, qui c’è solo da ficcarceli dentro

Ndom avanti coi mester, met i neder nel sicièr
Andiamo avanti coi lavori, metti le anatre nel (il loro alloggiamento – non so tradurlo)

Nono parla col camel, ch’el se sposte dal cancel.
Nonno parla col cammello, che si sposti dal cancello

Ria sö en sciaff de bei sturnei che i sinsiga i martinei
Arriva un (piccolo) stormo di bei stornelli, che dan fastidio alle vespe

Ghè le iene lè che sbraia, adès ghe tire la tanaia!
Ci sono le iene che urlano, adesso gli tiro la tenaglia!

Moglie ciapa en mà il bastù, para endrè töcc i leù
Moglie prendi in mano il bastone, spinge indietro tutti i leoni

Sö i simiòi dal cül pelà e l’elefant, chel scancarà
Su le scimmie dal culo pelato e l’elefante, quello scancherato

El m’è stat mal ensima al pont, adès se sbrissia, gh’è töt ont!
Mi è stato male sul ponte, adesso si scivola, c’è tutto unto!

G’ò le bale sa girade, i pare sö töcc a pesade!»
Ho già le palle girate, li mando su tutti a calci!»

El Signùr l’è preocupat: «G’ò Noè che l’è tiràt!
Il Signore è preoccupato: «C’è Noè che è teso!

Ciame me töta la ghenga, ofre a töti la merenda.
Chiamo io tutta la squadra, offro a tutti la merenda.

A pansa piena se sta mei, dorma fin i martinei
A pancia piena si sta meglio, dormono persino le vespe

Sarà sö i spurtei che ndom, de che des mes n’i e vedaròm!
Chiudi tutti gli sportelli che si va, da qui a un mese ci si rivedrà!

E so acqua a svultulù, föra el Ciès e po l’Usù
E giù acqua a rotta di collo, straripa il Chiese e anche l’Osone (un fiume e un canale della zona)

Finalmente i ò negacc, omm e fonne, cà e gacc!
Finalmente li ho annegati, uomini e donne, cani e gatti!

Certo che l’è ‘n bel spaènt, a parte l’acqua gh’è pö nient
Certo che è un bello spavento, a parte l’acqua non c’è più niente

Ma un futuro ci sarà, de che en mes i fo rasà»
Ma un futuro ci sarà, da qui a un mese li faccio accoppiare»

«I è tre dè che som particc, nom d’acordo e rigom dricc
«Sono tre giorni che siamo partiti, andiamo d’accordo e righiamo dritto

Tra le bestie gh’è armonia, i se nasa e po i va via!
Tra le bestie c’è armonia, si annusano e poi van via!

Ala matina quand fa bel, gh’è el torneo de tambürèll
Alla mattina, quando c’è bel (tempo), c’è il torneo di tamburello

Ala sera al primo piano, gh’è el latino americano:
Alla sera al primo piano, c’è il latino-americano:

Gh’è le sebre del Katanga che le bala con el tanga
Ci sono le zebre del Katanga che ballano con (addosso) il tanga

Le pantere maculate che le mena le cülate
Le pantere maculate, che dimenano le terga

E le tigri del Bengala che le m’à ciapàt la bala!
E le tigri del Bengala che mi han preso la balla (si sono ubriacate)!

Và che vita, par mia vera, chesta che l’è na crociera!
Guarda che vita, non sembra nemmeno vero, questa qui è una crociera!

Re                     Sol         Re              Mi           La       Fa#

Dopo circa quindes de, g’ò de dì che ‘ndom mia bè
Dopo circa quindici giorni, devo dire che non andiamo bene

            Sim                 Sol       Re                   La                   Re  La

Sente udùr, me crepa i ragn, che gh’è argü che fa mia el bagn!
Sento odore, mi muoiono i ragni, c’è qualcuno che non fa il bagno!

Re                     Sol         Re              Mi           La       Fa#

Vardèl lè, che l’ò catàt, l’è el pursèll, chel disgrasiàt
Guarda lì, che l’ho trovato, è il porcello, quel disgraziato

            Sim                 Sol       Re       La            Re 

El se dindula el picio mol, piè de merda fin al col.
Si fa dondolare il pene molle, pieno di merda fino al collo

   Sol                     Re              Fa#             Sim

Varda lè che spurcaciù, sensa un fil d’edücasiù
Guarda lì che sporcaccione, senza un fil d’educazione

    Sol                     Re            Mi                   La

Se ve a bordo el marasiàl, el me fa sarà el lucàl!
Se viene a bordo il maresciallo, mi fa chiudere il locale!

            Re       Sol           Re             Mi La  Fa#

Quindi fa la tò valis, porta föra i tò spurchiss
Quindi fai la tua valigia, porta fuori le tue porcherie

            Sim                 Sol               Re           La        Re                   Sol Re La Re

Là gh’è pront el tò gumù, l’è en bancal cun dù cuertù!»
La c’è pronto il tuo gommone, è un bancale con due copertoni !»

El pursell isè piansìt el salüda töcc i amic
Il maiale, piangnucolando, saluta tutti gli amici

L’è un pecà ch’el vaghe via, l’era ü de cumpagnia!
È un peccato che se ne vada, era uno di compagnia!

E la storia ci narrò, l’arca alfine arrivò
E la storia ci narrò, l’arca alfine arrivò

E Noè s’è ensapelàt en söl monte Ararat.
E Noè si è incagliato, sul monte Ararat

Adès che l’acqua l’è calada töcc i va per la so strada
Adesso che l’acqua è calata, tutti van per la loro strada

I se brasa sö e po i dìs: «Dai, scambiomes l’indiriss!»
Si abbracciano e poi dicono «Dai, scambiamoci l’indirizzo!»

Manca apena ü al’apel, el sì sa bela, l’è pursell
Manca solo uno all’appello, lo sapevo già, è il maiale

Che a forsa de girà, l’è finì en söl Mantuà.
Che a forza di girare, è finito nel mantovano.

Gh’è de dì, g’ò mai capì, el perché i l’à mia tignìt
C’è da dire, non l’ho mai capito, perché non l’hanno tenuto

Questo povero animale lo credevano immorale
Questo povero animale lo credevano immorale

A prüà a pensaga bè, chel ch’el fàa töcc i dè
A provare a pensarci bene, quello che faceva tutti i giorni

Magnà, bèer e scuresà de sicür l’è mia pecà.
Mangiare, bere e scoreggiare, di sicuro non è peccato.

Se po dop vulòm tacaga el gnigognago con la fraga
Se poi vogliamo attaccarci il “gnigognago con la fraga” (intraducibile)

Quand te fè vargòt de bel i te dis: «Te sè en pursell!»
Quando fai qualcosa di bello, ti dicono «Sei un porco!»

Quand el va nel’aldilà el lasa che l’eredità
Quando va nell’aldilà, lascia qui l’eredità

Niente solcc e gnà vistì… ma salàm e cudeghì!
Niente soldi e nemmeno vestiti… ma salami e cotechini!


Concludo dicendo che il testo affronta in un modo sbarazzino un tema biblico tutt’altro che allegro e lo infarcisce di riferimenti territoriali che lo rendono spassoso e molto vicino a chi lo ascolta (ovviamente nella zona geografica in cui è interpretabile): a parte i nomi di fiumi e canali di cui vi ho già detto, c’è il riferimento al tamburello, uno sport praticato in molti paesi dei colli morenici del Garda, ma soprattutto l’allevamento suinicolo, a cui il territorio mantovano è da sempre votato e che ne fa un’eccellenza territoriale importante.

Ah, non l’avevo detto: il gruppo si chiama Dì ‘n del nàs, letteralmente Le dita nel naso.

36 commenti

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...