Jukebox #Dialetto edition 2

Ecco il secondo dei tre brani tradotti dal dialetto dell’alto mantovano (che non lo si chiami dialetto mantovano, o i cittadini si incazzano come delle iene, quelle dell’Arca del brano scorso), stavolta a tematica sociale.

Dì ‘n del nàs – El pensiunàt

Per chi si diletta a suonare, ci sono pure gli accordi!

El pensiunàt
Il pensionato

Fa#m                          Re       Fa#m                       Re

L’è trent’an che so en pensiù dop quaranta de laurà
Sono trent’anni che sono in pensione dopo quaranta di lavoro

Fa#m                    Re              La             Mi

L’è ‘na gran sudisfasiù, fo na vita de pascià
È una grande soddisfazione, faccio una vita da pascià

Töt i dè g’ò quel de fa, fo la fila dal dutùr
Tutti i giorni ho qualcosa da fare, faccio la fila dal dottore

Perde gnanca ‘n füneràl, vo al simitere a cambia i fiùr
Non mi perdo nemmeno un funerale, vado al cimitero a cambiare i fiori

            Re                   Do#                                 Fa#m          Si

Cos’è la vita, te naset, te creset, te spuset, t’engraset
Cos’è la vita, nasci, cresci, ti sposi, t’ingrassi

            Re                      Mi                                Fa#m

E po te spetet, te speret che ries el dè de nà ‘n pensiù
E poi aspetti, speri che arrivi il giorno di andare in pensione

E finalmente desvonte le ante che i è inchiculente
E finalmente pulisco le ante che sono luride

Fo quel che öle, adès poche bale, cumanda el vintidù!
Faccio quel che voglio, adesso poche balle, comanda il ventidue (probabilmente riferito alla classe, ndr)

Lünedè televisiù, martedè televisiù
Lunedì televisione, martedì televisione

Merculdè Radio Maria, ma el giuedè me vo al mercà.
Mercoledì Radio Maria, ma giovedì vado al mercato (giorno del mercato a Castel Goffredo, paese d’origine del gruppo, ndr)

Po vo al bar a bèer en bianc, quasi quasi en bèe dù
Poi vado al bar a bere un bianco, quasi quasi ne bevo due

Me fo da apò en boero, l’è na vita de sbalù
Mi faccio dare anche un boero, è una vita da sballone

Cos’è la vita, te naset, te creset, te spuset, t’engraset
Cos’è la vita, nasci, cresci, ti sposi, t’ingrassi

E po te spetet, te spere che ries el dè de nà ‘n pensiù
E poi aspetti, speri che arrivi il giorno di andare in pensione

Ma veramente finìt co le ante g’ò pö de fa niente
Ma veramente finito con le ante non ho più niente da fare

Vaca galèra, che ria pö sera, so drè a nà ‘n depresiù!
Vacca galera, qui non arriva più sera, sto andando in depressione!

G’ò tre fiöi che i è n’amore, i m’à gnanca stracagàt
Ho tre figli che sono un amore, non mi cagano nemmeno di striscio

I speta apena che me möre per ciücàs l’eredità!
Aspettano solo che io muoia per beccarsi l’eredità

Ma i neùcc i me öl bè, i me ciàa la dentiera
Ma i nipoti mi vogliono bene, mi fregano la dentiera

I me cagà en del bidè, g’ò mess al mond di disgrasiacc!
Fan la cacca nel bidet, ho messo al mondo dei disgraziati!

Cos’è la vita, te naset, te creset, te spuset, t’engraset
Cos’è la vita, nasci, cresci, ti sposi, t’ingrassi

E po te spetet, te spere che ries el dè de nà ‘n pensiù
E poi aspetti, speri che arrivi il giorno di andare in pensione

G’ò tre palanche ma ghe do mia niente ai parencc, chi bröi cancher
Ho tre soldini ma non do niente ai parenti, quei brutti cancheri

Se anche ghe sonte, me töle la badante, me maie föra töt!
Se anche ci rimetto, mi prendo la badante, mi mangio fuori tutto!

Le ‘na bionda strepitusa, quand andòm en söl mercà
È una bionda strepitosa, quando andiamo sul mercato

Töcc i omm i la sgulusa, i è invidiùs cumpagn di cà!
Tutti gli uomini la sgolosano, sono invidiosi come dei cani!

E la not gh’è mia pö freno, ni e cuntòm le barselete
E la notte non c’è freno, ci raccontiamo le barzellette

Me en dialèt le en ceceno, e so vodka a butigliù!
Io in dialetto e lei in ceceno, e giù vodka a bottiglioni!

Cos’è la vita, te naset, te creset, te spuset, t’engraset
Cos’è la vita, nasci, cresci, ti sposi, t’ingrassi

E po te spetet, te spere che ries el dè de nà ‘n pensiù
E poi aspetti, speri che arrivi il giorno di andare in pensione

Sicüramente se sie pö pimpante me sucedìa niente
Sicuramente se ero più pimpante non mi succedeva niente

So riàt al dunque, g’ò vist le müdande e me gnìt un infartù!
Sono arrivato al dunque, le ho visto le mutande e mi è venuto un infarto!


Anche stavolta non mancano alcuni riferimenti territoriali, come il giorno di mercato del paese e altre piccole cose secondarie, ma credo che questa canzone possa essere esportabile in tutto il territorio nazionale per la sua valenza culturale!

39 commenti

      1. eccola
        L’è trent’an che so en pensiù dop quaranta de laurà
        Sono trent’anni che sono in pensione dopo quaranta di lavoro
        sso trent’anni ch sso ‘n penzione dopo quaranna de lavoro

        Fa#m Re La Mi

        L’è ‘na gran sudisfasiù, fo na vita de pascià
        È una grande soddisfazione, faccio una vita da pascià
        ‘na granne soddisfazzione, faccio a vita da pascià

        Töt i dè g’ò quel de fa, fo la fila dal dutùr
        Tutti i giorni ho qualcosa da fare, faccio la fila dal dottore
        tutti li giorni c’ho quarcosa da fà, faccio a fila dar dottore

        Perde gnanca ‘n füneràl, vo al simitere a cambia i fiùr
        Non mi perdo nemmeno un funerale, vado al cimitero a cambiare i fiori
        nun me perdo manco ‘n funerale, vado ar camposanto a cambià li fiori

        Re Do# Fa#m Si

        Cos’è la vita, te naset, te creset, te spuset, t’engraset
        Cos’è la vita, nasci, cresci, ti sposi, t’ingrassi
        che è a vita, venghi ar monno, te mariti, te inchiatti

        Re Mi Fa#m

        E po te spetet, te speret che ries el dè de nà ‘n pensiù
        E poi aspetti, speri che arrivi il giorno di andare in pensione
        eppoi stai ad aspettà, stai ad aspettà che arivi er giorno de annà ‘n penzione

        E finalmente desvonte le ante che i è inchiculente
        E finalmente pulisco le ante che sono luride
        e finarmente do na botta alli sportelli che sso zozzi

        Fo quel che öle, adès poche bale, cumanda el vintidù!
        Faccio quel che voglio, adesso poche balle, comanda il ventidue (probabilmente riferito alla classe, ndr)
        faccio quello che me pare, mo nun raccontamose le fregnacce, comanna er ventidue

        Lünedè televisiù, martedè televisiù
        Lunedì televisione, martedì televisione
        de luneddì a televisione, de marteddì televisione

        Merculdè Radio Maria, ma el giuedè me vo al mercà.
        Mercoledì Radio Maria, ma giovedì vado al mercato (giorno del mercato a Castel Goffredo, paese d’origine del gruppo, ndr)
        de mercoleddì radio maria, ma er gioveddì me ne vado ar mercato

        Po vo al bar a bèer en bianc, quasi quasi en bèe dù
        Poi vado al bar a bere un bianco, quasi quasi ne bevo due
        poi me faccio un goccio de vino bbianco ar bare, mo quasi quasi me ne bbevo due

        Me fo da apò en boero, l’è na vita de sbalù
        Mi faccio dare anche un boero, è una vita da sballone
        me faccio dà puro un boero (dovrei trovare qualcosa di più appropriato), è na vita da re

        Cos’è la vita, te naset, te creset, te spuset, t’engraset
        Cos’è la vita, nasci, cresci, ti sposi, t’ingrassi
        che è a vita, venghi ar monno, te mariti, te inchiatti

        E po te spetet, te spere che ries el dè de nà ‘n pensiù
        E poi aspetti, speri che arrivi il giorno di andare in pensione
        eppoi stai ad aspettà, stai ad aspettà che arivi er giorno de annà ‘n penzione

        Ma veramente finìt co le ante g’ò pö de fa niente
        Ma veramente finito con le ante non ho più niente da fare
        mo ho pure finito de lavà li sportelli e nun c’ho più gnente da fà

        Vaca galèra, che ria pö sera, so drè a nà ‘n depresiù!
        Vacca galera, qui non arriva più sera, sto andando in depressione!
        che cazzo de priggione, nun c’arrivano a sera, me pià no scoramento

        G’ò tre fiöi che i è n’amore, i m’à gnanca stracagàt
        Ho tre figli che sono un amore, non mi cagano nemmeno di striscio
        c’ho tre fiji ar bacio, nun me se filano de striscio

        I speta apena che me möre per ciücàs l’eredità!
        Aspettano solo che io muoia per beccarsi l’eredità
        stanno ad aspettà che crepo pe megnasse la robba mia

        Ma i neùcc i me öl bè, i me ciàa la dentiera
        Ma i nipoti mi vogliono bene, mi fregano la dentiera
        ma li nipoti me vojono bbene, me se fregano li denti finti

        I me cagà en del bidè, g’ò mess al mond di disgrasiacc!
        Fan la cacca nel bidet, ho messo al mondo dei disgraziati!
        cacano ner bidè, ho messo ar monno dei fiji de na mignotta

        Cos’è la vita, te naset, te creset, te spuset, t’engraset
        Cos’è la vita, nasci, cresci, ti sposi, t’ingrassi
        che è a vita, venghi ar monno, te mariti, te inchiatti

        E po te spetet, te spere che ries el dè de nà ‘n pensiù
        E poi aspetti, speri che arrivi il giorno di andare in pensione
        eppoi stai ad aspettà, stai ad aspettà che arivi er giorno de annà ‘n penzione

        G’ò tre palanche ma ghe do mia niente ai parencc, chi bröi cancher
        Ho tre soldini ma non do niente ai parenti, quei brutti cancheri
        c’ho du sordi ma li parenti non s’abbuscano gnente, sti quattro stronzi

        Se anche ghe sonte, me töle la badante, me maie föra töt!
        Se anche ci rimetto, mi prendo la badante, mi mangio fuori tutto!
        pur se me la pijo ander culo, me pijo na figa che me se cura, me magno tutto

        Le ‘na bionda strepitusa, quand andòm en söl mercà
        È una bionda strepitosa, quando andiamo sul mercato
        è na fica da paura, quanno annamo ar mercato

        Töcc i omm i la sgulusa, i è invidiùs cumpagn di cà!
        Tutti gli uomini la sgolosano, sono invidiosi come dei cani!
        all’artri omini je cadono l’occhi pe guardalla, sso invidiosi come li cani

        E la not gh’è mia pö freno, ni e cuntòm le barselete
        E la notte non c’è freno, ci raccontiamo le barzellette
        de notte nun se regolamo, se racontamo le stronzate

        Me en dialèt le en ceceno, e so vodka a butigliù!
        Io in dialetto e lei in ceceno, e giù vodka a bottiglioni!
        io cor dialetto mio lei ‘nceceno, se scolamo a voddka come se piovesse

        Cos’è la vita, te naset, te creset, te spuset, t’engraset
        Cos’è la vita, nasci, cresci, ti sposi, t’ingrassi
        che è a vita, venghi ar monno, te mariti, te inchiatti

        E po te spetet, te spere che ries el dè de nà ‘n pensiù
        E poi aspetti, speri che arrivi il giorno di andare in pensione
        eppoi stai ad aspettà, stai ad aspettà che arivi er giorno de annà ‘n penzione

        Sicüramente se sie pö pimpante me sucedìa niente
        Sicuramente se ero più pimpante non mi succedeva niente
        è sicuro che se ero più allegrotto nun me capitava gnente

        So riàt al dunque, g’ò vist le müdande e me gnìt un infartù!
        Sono arrivato al dunque, le ho visto le mutande e mi è venuto un infarto!
        so arrivato ar dunque, jo visto le mutande e m’è schioppato er core

        Piace a 1 persona

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...