La tristezza

Lo schermo è scuro, buio, immoto: nessun led che lampeggia, nessun bip a indicarmi un sussulto di vita; scorro le e-mail, ma quest’oggi nemmeno lo spam sembra interessato a me.
Infilo il telefono in tasca e me ne esco per una passeggiata: la mente si arrovella senza tregua, senza lasciarmi nemmeno il tempo di godermi quell’alito di vento che fa viaggiare veloci le nuvole, che corrono libere almeno quanto i miei pensieri.
Il telefono vibra, trattengo il fiato, ma è solo il meteo che mi avvisa che oggi c’è il sole «Grazie tante, eh!» gli rispondo, ma ne approfitto per scorrere con le dita in cerca di altro: niente. Elimino la notifica, scuotendo il capo e ricominciando a rincorrere le mie preoccupazioni, anche se forse son loro a inseguire me, ovunque vada, ovunque volga lo sguardo.
Com’è che sono finito in questo circolo vizioso? Era una mattinata così piena di allegra ipocrisia, saluti, baci, messaggi e poi… e poi niente, come se fossi sparito dalla faccia della terra.
Ripasso mentalmente tutta la giornata e la mano si infila in tasca: giusto una sbirciatina. Niente.
Non c’è nemmeno un runner da salutare oggi? Han deciso tutti che devo essere solo? Va bene, lo accetto…
Sì, come no! Non riesco a essere sincero nemmeno con me stesso? Ci sto male, ma non posso far altro che aspettare, muovermi, guardare. Lo vorrei gridare al mondo quanto sto male, ma sono talmente giù di corda che non ho avuto nemmeno il coraggio di parlarne con i miei amici.
Una macchina! Sembra che mi stia salutando, ma poi mi accorgo che mi sta solo facendo segno di stare in parte perché sono finito in mezzo alla strada. Cos’è? Il subconscio che ha deciso che è meglio lasciar perdere tutto e finirla qui?
Mi fermo a guardare l’acqua di un fosso che scorre lenta, un paio di pesci che si allontanano seguendo la corrente e la carcassa di una nutria a pelo d’acqua, lì vicino.
Perché sono venuto da questa parte? Perché proprio questa strada? Per non incontrarti in centro o è perché era la strada che facevamo insieme la domenica dopo pranzo?
Tutte e nessuna, chiaro. Ma io sono ancora qui a rivivere quei sorrisi al mio fianco, quelle volte che mi indicavi un airone o quando mi facevi cambiare strada perché c’era un cane che abbaiava a un cancello.
Dove sono quelle giornate di sole mano nella mano? Solo nei miei ricordi, ma non sono caldi come gli abbracci e le coccole che ci scambiavamo.
Faccio dietrofront quando vedo la casa che ci piaceva tanto e su cui facevamo tanti progetti. Quei progetti ora che fine faranno? Non lo so, la casa è bella lo stesso, ma non è più la stessa senza immaginarmici dentro assieme a te.
Ci vuole mezz’ora per tornare alla civiltà e ogni singolo secondo è te che vedo in ogni fiore, in ogni albero, in ogni sagoma che scorgo in lontananza. Un attimo, quella non è la mia immaginazione: sei proprio tu.
Sei da sola, cammini spedita e mi vieni incontro: il cuore perde dei battiti, ma chi se ne importa. Stai sorridendo, non c’è dubbio e sorrido anch’io
Quando siamo vicini sto per abbozzare un «Ciao» addobbato da un sorriso, ma vedo il cavo dell’auricolare e tu non stai certo parlando con me. La smorfia resta paralizzata sulle mie labbra, mentre da parte tua vedo solo un’occhiata sdegnata, come se t’avessi urtata per sbaglio.
Passo oltre, il sorriso è rimasto stampato sulla mia faccia, ma si spegne sotto il peso di una lacrima scivolata sulle labbra.
Guardo il telefono, quella chiamata non era certo per me…

Zucchero – Blu

In copertina: Donna con le braccia incrociate (1902), Pablo Picasso (dal web)

Consulenza artistico-musicale: Camelia Nina

55 commenti

  1. Ciao.Ho letto con avidità perché ogni frase ripercorre il mio stato d’animo di questa mattina (anche di ieri,dell’altro ieri, e ancora e ancora) .Passeggiavo con te, riconoscevo il tuo stato d’animo.E’ faticoso combattere con i ricordi.Faticoso accollarsi questo fardello di emozioni represse a forza.Faticoso rinunciare alle aspettative.A volte è faticoso vivere.

    Piace a 2 people

    1. Grazie Silvana: è bello sapere che qualcuno ci accompagna in queste passeggiate virtuali (in realtà, tra tutti i racconti delle emozioni, è quello più autobiografico), ma credo servano anceh quei momenti per “andare avanti” prendendo consapevolezza del vissuto! 🙂

      Piace a 3 people

  2. quando si è amato davvero, non passa in un giorno o in un mese o in un anno….a volte non passa mai perché l’amore provato comunque resta per sempre…. molto bello, anche se la sensazione non lo è…
    Buona domenica 🙂

    Piace a 1 persona

      1. beh con qualcuna forse non ci ho provato, ma direi che andando a percentuali sono dell’ordine dell’1% per cento 🤣🤣 comunque va beh. Sai una cosa ora vedo tutti i miei coetanei divorziati, con mille problemi, tutti che mi dicono, magari avessi fatto la tua vita, sei fortunato, hai fatto la scelta migliore. Nella sfiga della gioventù ora sono considerato l’unico che ha fatto la scelta giusta..😊

        Piace a 1 persona

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...