Il disgusto

Cos’è ‘sta roba? E io ci dovrei mettere le mani? Mi viene il vomito solo a pensarci, figuriamoci ad avvicinarmi. Si sente la puzza fin da qui. No, no: quello sta lì dov’è e si arrangia, io le mani non me le sporco di certo con quella merda.
E poi, perché lo devo fare io? Non è il mio lavoro. Che si arrangi chi ha fatto quel macello.
«Bleah…» una zaffata acre, un miasma immondo mi arriva alle narici e quasi traballo prima di riuscire a portare la mano al naso.
Dei passi dietro di me, devo decidere cosa fare, o qui si mette male. Ma come si fa? Non ho nemmeno un paio di guanti e poi, quella cosa, continua a muoversi e io… Come ci sono finito in questo pasticcio?
No, non era così che immaginavo di iniziare la giornata. Posso far finta di niente, certo, ma poi?
Mi giro di lato, prendo un gran respiro e faccio un passo avanti: quasi senza guardare allungo le mani, afferro la cosa e l’odore mi riempie le narici. Per poco non mi cade.
Si mette pure a fare un rumore infernale: ma non si scaricano mai le batterie di ‘sto coso?
Solo una fessura, le palpebre quasi del tutto chiuse e il naso che mi si è arricciato in una maniera innaturale. L’ossigeno sta finendo nei polmoni e io son qui ancora lontano dall’aver finito con questa cosa.
Merda, merda, merda! Appoggio alla superficie e tenendolo fermo con una mano, mi volto e prendo fiato, anche se è tutta pervasa da quel lezzo nauseabondo. Non ce la faccio più, non ce la faccio…
«Levati, imbranato: ci penso io a cambiare nostro figlio.»
Non me lo faccio ripetere e mi allontano di qualche passo: l’aria è più buona nell’altra stanza. Non mi sento in colpa, mi sento sollevato. E sorrido: quanto preferisco quel fagottino quando è pulito e profumato!

Elio e le Storie Tese – Shpalman

In copertina: Scudo con testa di Medusa (1598), Michelangelo Merisi, detto Caravaggio, Firenze, Galleria degli Uffizi (dal web)

Consulenza artistico-musicale: Camelia Nina

36 commenti

  1. E’ da un pezzo che non lo devo più fare…ma ricordo ancora, come darti torto? Però, credimi, anche cose come queste, quando si tratta di tuo figlio o figlia, si fanno storcendo il naso ma con tanto amore e si sarebbe disposti anche a fare molto di peggio 😉
    Buona domenica 🙂

    Piace a 1 persona

Rispondi a maxilpoeta Cancella risposta

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...