About Sphaera #1

La genesi

Oggi è il primo appuntamento in cui ti parlerò di Sphaera e lo farò in maniera diversa da quello che emerge dai racconti o dagli altri scritti ambientati in questo mondo.
Parto col dire che è un’idea nata intorno a marzo/aprile 2017 e che ha preso il via dalla voglia di creare ex novo un mondo in cui ambientare delle sessioni di gioco di ruolo.
Io ho la necessità di visualizzare quel che succede e quindi ho fatto un lavoro “in grande” partendo direttamente dall’intero mondo, perciò il primo step è stata la mappa del globo: aiutandomi con la computer grafica, ho iniziato ad abbozzare i continenti principali (2) e poi ci ho buttato dentro gli altri minori. Poi è stata la volta delle isolette e da lì ho proseguito con catene montuose, fiumi, laghi etc.… A quel punto è sorta l’esigenza di suddividere i territori da un punto di vista amministrativo e così sono nate le nazioni (50).
A quel punto andavano messe un po’ di città (le capitali, almeno) e le Fortezze del Passaggio (chiamate anche Cittadelle) perché serviva una storia da collegare alla geografia del mondo. Anzi, è stato proprio qui che ho compreso meglio che geografia e storia sono strettamente correlate da sempre e che ignorare una delle due equivale ad avere una visione ridotta di quanto avviene (o è avvenuto).
Dalle Fortezze del Passaggio, è nata anche l’esigenza di creare un pantheon adatto a questo mondo, ma di questo tratterò sicuramente in seguito; i nomi, in cui, lo ammetto, forse mi sono sbizzarrito fin troppo, forse fino all’eccesso, sono stati semi-casuali, nel senso che ho usato ispirazione da vari siti che ne sfornano in quantità, ma poi ci ho messo del mio per piegarli a quel che volevo come risultato.
E lì, mentre allestivo un mondo in cui far muovere i personaggi del party di D&D*, in me sorgeva l’idea parallela di creare una storia, la storia “completa” di quel che doveva succedere su Sphaera.
E così ho iniziato a scrivere il primo dei romanzi della saga.

Da citare nella genesi del mondo la decisione di legare la lingua (argomento che approfondirò in seguito) alla geografia, perché mi è parso evidente che è una fattore caratterizzante… soprattutto in Italia: paesi con nomi di torri, castelli, fiumi, laghi, etc.… sono la normalità e danno maggior legame e appartenenza, così ho scelto di fare anche nel mio mondo, dove la relazione tra lingua, storia e geografia volevo fosse il più profondo possibile.

* viene chiamato “party” il gruppo di amici che giocano e D&D, acronimo di Dungeons and Dragons è uno dei più famosi Giochi di Ruolo da tavolo.


In copertina: Sphaera, mappa fisica

35 commenti

    1. Sì, il lavoro iniziale è stato anche piuttosto “veloce”: il problema sono sempre i dettagli e dare una verosimiglianza (termine che sembrerebbe cozzare col concetto di fantasy, ma ti assicuro che non è così) e coerenza al tutto… ed è anche (ma non solo) per quello che il seguito sta procedendo molto più a rilento.

      Però a me piace, mi diverto e lo faccio volentieri. E, comi hai già avuto modo di vedere, la fantasia non mi manca, anche se quel che ne è uscito è anche frutto di molte cose già esistenti che ho rielaborato per farle mie! 🙂

      Piace a 2 people

    1. E’ vero: per fare le cose fatte decentemente (non dico bene, non voglio esagerare) bisogna comunque lavorarci su. Certo, c’è da trovare un compromesso tra il fare e il pensare, perché a volte si rischia di non scrivere per voler sviscerare dettagli del tutto ininfluenti che non servono ai fini della storia… e io, questo rischio, lo corro spesso e volentieri! 🤣

      Piace a 2 people

  1. Creare un Mondo dev’essere molto complicato, complimenti per il lavorone! Evidentemente lo sforzo è bilanciato dalla passione, altrimenti avresti presto mollato (o ne sarebbe uscito un pasticcio).
    Ma se nel CV scrivi “ho creato un Mondo” fai un figurone o ti prendono per matto? 🤣

    Piace a 1 persona

    1. Hai ragione: se c’è passione e volontà (anche quella ha un suo peso importante) ci riesci e ti diverti pure, altrimenti cedi presto.

      Non ci avevo pensato, sai, di scriverlo sul CV? Però “creatore di mondi” suona bene, anche se forse può farti sembrare un po’ egocentrico! 🤣🤣🤣

      Piace a 1 persona

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...