Pas encore #17

leggi il brano precedente

Jean aveva letto il messaggio e non ne era rimasto stupito, tutt’altro, ma non aveva pensato che potesse andare tutto così in fretta e si compiacque con se stesso per essersi procurato una copia della chiave. Non gli ci volle molto per capire che l’altra persona altri non fosse che quel poliziotto di cui ogni tanto Amelie ciarlava tutta sorridente, ma restò interdetto quando la vide truccarsi e vestirsi per uscire quella sera e, dal balcone, inforcare la bicicletta, nonostante i tuoni e i lampi si facessero via via più prossimi.
Era rimasto sveglio fino a tardi, senza ricevere notifiche dalle microcamere dell’appartamento di Amelie e si era fatto prendere dall’inquietudine, visto che non era da lei star fuori tutta la notte: se le fosse successo qualcosa?
Accantonò quel pensiero e si concesse un mezzo sorriso, pensando allo spettacolo che si sarebbe goduto quando l’avrebbe vista nella sua stanza avvinghiata a quell’altro e già il fantasticalo lo fece eccitare, così decise di riguardare nuovamente la registrazione della sera precedente, in cui erano solo lui e lei nella stanza della donna, e questo gli procurò nuovamente piacere.
Nemmeno il giorno successivo, sabato, Amelie si fece vedere, ma la cosa non lo preoccupò: di solito si occupava della spesa settimanale, vedeva qualche amica o fare quanto non era riusciva a fare nei giorni lavorativi; tuttavia, arrivò la sera e di lei nemmeno l’ombra. Ad averlo saputo prima, avrebbe approfittato per andare a casa sua per ricaricare le batterie, ma ormai confidava che potessero durare almeno fino al lunedì, quando lei sarebbe stata al lavoro e lui aveva chiesto mezza giornata di permesso proprio per occuparsi della cosa.
Uscì, vagando senza meta per la città: in realtà la stava cercando, ma non sapeva da dove cominciare, perché di quell’altro uomo sapeva sì il nome, ma non aveva avuto modo di rintracciare l’indirizzo, perché, a quanto gli risultava, nemmeno lui era un frequentatore dei social e questo rendeva il lavoro lungo e laborioso.
Vederli insieme a casa di lui, anche senza la possibilità di avere un filmato da rivedere ogni volta che l’avrebbe voluto, sarebbe di certo stato un ottimo passatempo, ma non ne cavò un ragno dal buco e tornò a casa.
Giunse anche la domenica, ma di Amelie non c’era più traccia. Non fino al tardo pomeriggio, almeno, quando lei tornò a casa per cambiarsi, truccarsi e uscire di casa di nuovo, ma stavolta non in bici: davanti alla porta di casa c’era una Citroën di colore grigio-metallizzato ad attenderla e alla guida quel bellimbusto di poliziotto e, ora che si vedeva la scena di lei felice che saliva in auto, non era più così soddisfatto come aveva creduto di poter essere nel vederli insieme.
Alla sera li vide rientrare tardi, ma lui non salì e si limitò a baciarla con ardore, prima di allontanarsi dal residence: Jean aprì l’app e scelse di vedere le immagini della microcamera del bagno, dove immaginava sarebbe andata Amelie, ma l’immagine durò solo pochi istanti, perché la batteria si scaricò esattamente quando lei accese la luce per entrare; spostò quindi la visuale sulla camera da letto e l’attesa di vederla entrare e spogliarsi lo innervosì ancor di più, e ciò non fece altro che peggiorare ulteriormente il suo stato d’animo, quando lei entrò con già addosso la lunga maglia per la notte e si infilò sotto le coperte, spegnando la luce.
Jean Dominic de Lassalveaut diede un pugno sul tavolo e si maledisse per la propria stupidità e andò a dormire rabbioso come non gli capitava da tempo.

continua…

57 commenti

  1. E caro conte Serbelloni Corbellis Dalmate De’ Corallis…mi sa che ti tocca accendere la TV perché il tuo film preferito è in pausa registrazione.
    (Scusa ma è dall’inizio che penso a lui con questo”omonimo”italiano e…non potevo trattenermi oltre 😁😅)

    Piace a 2 people

  2. Stavolta a Jean gli è andata male: niente spettacolino in seconda serata, 😁. Si è fatta attendere di più Amelie che un qualsiasi programma televisivo che dovrebbe iniziare ad un certa ora ed invece ritarda anche delle mezz’ore, 😁. Ma non è che Amelie ha avuto un passato in Rai o Mediaset? 🤔

    Piace a 1 persona

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...