Cadere #1

Il rumore dei motorini in lontananza mi disturba e mi fa pulsare le tempie, che già mi dolgono dopo una giornata decisamente no: al lavoro è stato uno schifo, col capo che mi rompeva le palle ogni tre per due; poi ci si è messa pure lei, che mi ha dato buca per la terza sera di fila; per finire, mi sono dimenticato di comprare le maledettissime sigarette e non ho voglia di uscire di nuovo.
Per fortuna è rimasta una bottiglia di whisky… tre quarti, a essere precisi, ma me la farò bastare.
Fa caldo, ma per fortuna il sole è calato dietro i palazzi di questa insulsa periferia e io posso stare sul balcone a guardare questi giardinetti che mi trovo davanti a casa, dove nemmeno i tossici sono mai venuti a farsi una dose, dal tanto sono ordinatamente ordinari: ultimamente vedo squallore ovunque mi volti, a partire da questo condominio che sembra replicato per quante? Sei? Sette? Dieci volte?
Mi vien da ridere a pensare che, magari, c’è un altro stronzo come me, preso male come me, fatto in serie come me in ogni fottutissimo palazzo che mi circonda, con quella stessa voglia di lasciar perdere tutto e sfracellarsi di sotto che a volte assale me.
Non oggi, però. Non da sobrio, almeno…

continua…

56 commenti

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...